Gli americani ci fregano con la lingua

Spesso, quando si parla di Storytelling mi viene in mente Francesco Guccini che, in apertura di Statale 17, raccontava:

“Sulla strada di Kerouac era molto bello letto in italiano con i nomi americani:
“Quella sera partimmo John, Dean ed io sulla vecchia Pontiac del ’55 del padre di Dean e facemmo tutta una tirata da Omaha a Tucson”; porco cane! E poi lo traduci in italiano e in italiano dici “Quella sera partimmo sulla vecchia Fiat 1100 del babbo di Giuseppe e facemmo tutta una tirata da Piumazzo a Sant’Anna Pelago”. Non è la stessa cosa, gli americani ci fregano con la lingua.”

A volte, non sempre, è proprio così…anche se, per inciso, “narrazione” a me non dispiace proprio.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail